I anno 2017-2018

Scuola Superiore di Grafologia
Anno scolastico 2017-18
Programmi, testi e articoli
per gli insegnamenti del I ANNO DI CORSO

...............................................

Epistemologia grafologica
Prof. Roberto Travaglini

Programma del corso

Saranno trattati i seguenti argomenti:

  • Scienza e società oggi di fronte alla grafologia.

  • Grafologia: scienza, tecnica o arte?

  • Fondamenti interdisciplinari: psicologia e grafologia.

  • Sulla questione della fondatezza del sapere grafologico.

Testo
R. Travaglini (a cura di), 
Il gesto scrittorio, Sulla Rotta del Sole, Mesagne (BR) 2007, pp. 13-61.

Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno date a lezione dal docente. 

...............................................

Grafologia generale I
Prof. Sonia Bortolotti
Prof. Caterina Casazza
Prof. Roberta Farro
Prof. Giorgia Filiossi

Programma del corso

  • Analisi degli aspetti qualitativi e quantitativi dei segni grafologici del sistema metodologico di Girolamo M. Moretti.

  • Curva-Angolosa: sviluppo teorico dei segni morettiani Curva, Angolo A, Angolo B, Curva rotonda, Curva ovale, Curva affondata, Estesa; caratteristiche strutturali, misurazioni, significati.

  • La Triplice larghezza come sindrome grafica del Largo di lettere, Largo tra lettere e Largo tra parole.

  • La categoria grafica della dimensione dell’Io: il Calibro. Analisi dei suoi singoli segni: Calibro grande, medio e piccolo; e dei composti Minuta e Minuziosa.

  • Analisi delle caratteristiche morfologiche della pressione grafica e delle sue espressioni segniche: Intozzata I modo, Filiforme, Grossa e Grossolana; casi di spostamento della pressione.

  • Il ritmo grafico: dalla lentezza all’impulsività, attraverso i ritmi intermedi (Calma, Fluida, Veloce, Slanciata, Impaziente).

  • Accurata/Gettata via: le espressioni grafiche della forma e del movimento scrittorio.

  • Analisi dell’atteggiamento strutturale delle aste letterali, nelle loro espressioni di Aste rette, Aste con il concavo a destra, Aste con il concavo a sinistra e Flessuosa.

  • Analisi degli atteggiamenti grafici degli assi letterali: Pendente, Rovesciata, Dritta; le insicurezze orientative dell’affettività: Titubante, Tentennante e Stentata.

  • Analisi delle caratteristiche grafologiche del rigo: Ascendente, Mantiene il rigo, Discendente e loro sottospecie.

  • I gradi di adattamento individuale: Attaccata, Staccata, Frammentata e Legata.

  • Analisi dei segni relativi alle espressioni della creatività individuale: il Disuguale metodicamente del calibro, dell’inclinazione (Sinuosa) e del rigo (Scattante).

  • I ricci e la firma nella scrittura.

Testo
R. Travaglini, 
Corso di grafologia (I livello), AGAS, Bologna. 

Bibliografia consigliata

G.M. Moretti, 
Trattato di grafologia, Messaggero, Padova.
G. Galeazzi, N. Palaferri, F. Giacometti, 
La grafologia, Enciclopedie Pratiche Sansoni, Firenze.
N. Palaferri, 
Dizionario di grafologia, Istituto Grafologico ‘G. Moretti’, Urbino.
E. Settembrini, 
Grafologia e psicologia, Mediterranee, Roma 1988.

...............................................

Grafologia dinamica I 
Prof. Roberto Travaglini


Programma del corso
PARTE GENERALE
Innanzitutto saranno presi in esame i dinamismi simbolici dello spazio grafico secondo Max Pulver, per un’analisi dei significati del simbolismo dello spazio grafico e delle loro implicazioni spazio-temporali riferite alla scrittura.
Seguirà, quindi, un dettagliato approfondimento degli aspetti dinamici dei singoli segni grafologici morettiani.
PARTE MONOGRAFICA
Si approfondiranno: alcune tematiche narcisistiche della cultura contemporanea attraverso l'analisi dei modelli scrittori di oggi. 
Articoli
N. Roffi, R. Travaglini, 
L’espressione psico-sociale della scrittura ‘Estesa’, in 'Graphos', n. 3, 1996.
R. Travaglini, 
Un bambino conteso: Edoardo. Quadro psico-grafologico di una famiglia in crisi, in ‘Graphos’, n. 4, 1996.
P. Cristofanelli, Script 
e stampatello: maschera o originalità?, in ‘Graphos’, n. 5-6, 1997.
P. Bruni, 
Ritratto della società nella scrittura dei giovani d’oggi, in ‘Graphos’, n. 5-6, 1997.
M. Maselli, 
Tentennante, segno indice di potenziale cambiamento, in ‘Graphos’, n. 5-6, 1997.
G. Pagani, 
Le compensazioni intellettuali nelle scritture contemporanee, in ‘Graphos’, n. 5-6, 1997. 

Per la parte monografica
AA.VV., 
L'identità narcisistica individuale nella cultura contemporanea, in ‘Graphos’, nn. 11-12.

Bibliografia consigliata
M. Pulver, 
La simbologia della scrittura, Boringhieri, Torino 1983.

...............................................

Neuropsicologia del gesto grafico 
Prof. Angelo Maravita


Programma del corso
Durante il corso si cercherà di affrontare lo studio dei concetti elementari dell’organizzazione anatomo-fisiologica del sistema motorio e dei suoi principali aspetti dinamici, quindi lo studio delle relazioni fra le strutture cerebrali e i processi cognitivi nell’uomo, nonché la diversa specializzazione funzionale degli emisferi cerebrali, soprattutto in riferimento all’attività neuromuscolare dello scrivere.

Testo
A. Maravita, 
Neurofisiopatologia della scrittura, AGAS, Bologna.

Bibliografia consigliata
E. Làdavas, C. Umiltà, 
Neuropsicologia, Il Mulino, Bologna 1987.
A.R. Lurija, 
Neuropsicologia del linguaggio grafico, Messaggero, Padova 1984
R. Pophal, 
Scrittura e cervello, Messaggero, Padova 1990.
...............................................

Psicologia generale I
Prof. Mario Rizzardi

Programma del corso
Il programma verte sulla didattica degli elementi di base della psicologia.
Inoltre, sarà approfondito lo studio sulla psicologia dell'ascolto. 


Testi parte generale (uno a scelta)

S. Nolen-Hoeksema, B.L. Frederickson, G. Loftus, W.A. Wagenaar, 
Atkinson e Hilgard's Introduzione alla psicologia (15a edizione), Piccin Nuova Libraria S.p.A., Padova 2011.
R. S. Feldman, 
Psicologia generale, McGraw-Hill, Milano 2013..

Testo parte monografica
S. Rossi, R. Travaglini (a cura di),  
Formazione all'ascolto, FrancoAngeli, Milano 2005. 

...............................................

Storia della grafologia I
Prof. Giuliano Bagnoli

Programma del corso
Il proposito del corso è quello di far conoscere l’origine e lo sviluppo storico dei principali orientamenti metodologici in grafologia, così come nel tempo si sono evoluti e diffusi in ambito internazionale.

  • Le prime intuizioni, nel XVII sec., di Prospero Aldorisio e Camillo Baldi.

  • Lettura storico-critica delle origini della scuola grafologica francese: le leggi intuite dall’abate Michon a confronto con la sistematizzazione scientifica operata da Jules Crépieux-Jamin.

  • Il dilemma tra Spirito e Vita nell’opera grafologica di Ludwig Klages. 

Testi
G. Bagnoli, 
Elementi di storia della grafologia, AGAS, Bologna 2013 (saranno da studiare i capitoli indicati a lezione dal docente).
R. Travaglini, 
L'apprendimento della scrittura, Sulla Rotta del Sole, Mesagne (BR), 2008.

Bibliografia consigliata
J. Crépieux-Jamin, 
Il carattere dalla scrittura, QuattroVenti, Urbino 1985.
L. Klages, 
La scrittura e il carattere. Principi e elementi di grafologia, Mursia, Milano 1982.
M. Marchesan, 
Psicologia della scrittura. Segni e tendenze, Istituto di indagini psicologiche, Milano 1984.
S. Ruzza, 
Storia della grafologia, Istituto “G. Moretti”, Urbino 1981.
R. Saudek, 
Psicologia della scrittura, Messaggero, Padova 1982.
A. Teillard, 
L’anima e la scrittura, Boringhieri, Torino 1980.
A. Vels, 
Escritura y personalidad, Herder, Barcelona 1982.

...............................................

Tecnica e metodologia grafologica I
Prof. Daniele Cavallo
Prof. Sonia Bortolotti

Programma del corso
Il corso si concentra sulla parte applicativa della teoria morettiana e in particolare sull’analisi qualitativa e quantitativa dei segni delle scritture che saranno di volta in volta oggetto di esercitazione. 


Testo

R. Travaglini, 
Corso di grafologia (I livello), AGAS, Bologna (parte applicativa).